spiralemultiplaconnome
Blog
Home 
Libri
ARCHIVIO
02/02/2014, 14:22

confidi catania, imprese, confidi, fidimpresa, confidi di sicilia, sistema bancario, cda, imprese banche, sicilia, credito





 Nominato un nuovo Consiglio di Amministrazione, forte dell’ingente patrimonio di garanzia alle imprese affidate dal sistema bancario e del riconoscimento della propria indipendenza. Alfio Baudo – patr



Nominato un nuovo Consiglio di Amministrazione, forte dell’ingente patrimonio di garanzia alle imprese affidate dal sistema bancario e del riconoscimento della propria indipendenza. 
Alfio Baudo – patron della catena Profumia , già Presidente gruppo d’acquisto Coprasso e Vice Presidente della Federazione di categoria , è il Presidente, Nino Grippaldi – avvocato penalista, Presidente Panificio Valdittaino e componente il CdA Università Kore di Enna è stato nominato Vice Presidente, Salvatore Calà – ex funzionario Ifitalia Gruppo BNL, è l’amministratore delegato, Domenico Cutrale titolare Precon – impresa di opere fognarie e stradali e Salvatore Molè – titolare Fratelli Molè - produzione di tubi per pozzi , Consiglieri del nuovo CdA di FIDIMPRESA Confidi di Sicilia . 
A due mesi dal provvedimento di Banca d’Italia che aveva decretato l’uscita del Confidi dall’elenco speciale degli intermediari 107, gli azionisti di FIDIMPRESA hanno tempestivamente adottato tutti i provvedimenti di salvaguardia dell’ingente patrimonio a garanzia degli affidamenti concessi dalla banche alle imprese socie del Consorzio. Le partecipate assemblee svoltesi tra dicembre e gennaio con una larghissima maggioranza e sotto la guida del Collegio Sindacale composto da Carmela Ficara, Giombattista Di Blasi e Rino Astorina, hanno,infatti, riallineato i binari su cui FIDIMPRESA potrà esercitare al meglio le attività di garanzia a favore delle imprese socie e affermato con chiarezza la propria indipendenza da organizzazioni terze cui fanno riferimento alcuni soci.
Le attività di FIDIMPRESA sono, infatti, da tempo indirizzate alle imprese trasversalmente rispetto ai settori di appartenenza e vengono esercitate sull’intero territorio siciliano. Forte di una politica di sviluppo e di best pratics che avevano determinato l’iscrizione nell’elenco speciale dei Confidi 107, oggi FIDIMPRESA rappresenta il più rappresentativo, organizzato e patrimonializzato Confidi 106 su cui possono contare le imprese siciliane. A margine della prima riunione il CdA ha identificato l’ipotesi di un Comitato Tecnico Scientifico con lo scopo di approfondire la conoscenza dei sistemi produttivi regionali, sviluppare le relazioni tra il sistema bancario e le imprese, proponendosi come strumento di analisi e programmazione dei processi di sviluppo dei territori. 


1
Se la mano destra non sa quello che fa la sinistra
28 giugno 2011
I vertici delle banche indicano al mercato ecomunicano alle imprese politiche diverse da quelle che vengono praticate dalleloro strutture in campo    
Se lo Stato rende conveniente l'illegalità
22 marzo 2010
L’impresa ha bisogno di normalità e di ricavare valoredalla correttezza, in un contesto in cui uno Stato con la sua Pubblica Amministrazioneè assente e rende conveniente l’illegalità    
Le banche non chiudano il cordone della borsa
16 marzo 2010
le banche non chiudano il cordone delle borse senzaoffrire un congruo tempo di riequilibrio    
L'evoluzione dei confidi
18 ottobre 2009
a un anno dall’inizio della crisi – rapporti banche eimprese e l’evoluzione del confidi da “club degli imprenditori” a soggettotecnico di garanzia per l’accesso al credito    
Al sud ci sono competenze 
22 settembre 2009 
Al sud ci sono competenze e imprenditori di elevato livello
Se le regole non servono
25 maggio 2009
“Il sistema di valutazione del rischio delle impresenon tiene conto di chi opera nel rispetto delle regole”    
Rating segreto per le imprese 
24 maggio 2009
“Il rating attribuito alle imprese è mantenutosegreto dalle banche, cosicché l’imprenditore è all’oscuro di come vienevalutato”    
Lo Stato italiano contribuisce alla debolezza delle imprese
28 nov. 2008
Le imprese deboli sono soggette ad essere ricattate. Lo Stato attraverso la Pubblica Amministrazione ne ha una rilevante responsabilità con gli insostenibili ritardi sui pagamenti.  
Create a website