spiralemultiplaconnome
Blog
Home 
Libri
ARCHIVIO
05/11/2014, 08:35

GENIUS LOCI, sebycostanzo, genius, sal, architettura, catania



GENIUS-LOCI


 Nella religione romana il concetto era considerato come un’entità soprannaturale legata ad un luogo o ad un oggetto di culto. Nel linguaggio dell’architettura moderna, per genius loci s’intende il sig



Nella religione romana il concetto era considerato come un’entità soprannaturale legata ad un luogo o ad un oggetto di culto. 
Nel linguaggio dell’architettura moderna, per genius loci s’intende il significato culturale e quello emozionale che viene attribuito ad un luogo, ad uno spazio oad una città. Pertanto è l’espressione del "carattere" di un luogo, le sue caratteristiche intrecciate con gli usi e i costumi degli uomini che abitano quel posto. 
E’ una sorta di "spiritello" che miscela sia l’identità fisica che culturale del luogo, identità che sopravvive o muta nel tempo. 
Il genius loci assume il ruolo di porta del tempo con cui stabilire un contatto con i nostri predecessori. 
E’ come se si stabilisse una connessione spirituale, emotiva e culturale con un luogo e col suo territorio. Nella società attuale in continuo fermento e cambiamento, dove il concetto di spazio e tempo subiscono rapidi cambiamenti,non possiamo considerare il genius loci solo come "spiritello" del luogo o come richiamo storico. 
Ci sono luoghi in cui il genius loci è associato ad un monumento, ad un personaggio. 
Altro elemento importante da considerare è la parola. 
Il genius loci non si trasmette solo attraverso le caratteristiche del luogo.La parola, o meglio, la lingua o il dialetto di un territorio sono un prodotto culturale che lega l’individuo a quel territorio.
Tuttavia le persone "respirano" il genius loci di un luogo, di un ambiente quando ne hanno piena coscienza.Ognuno di noi è attaccato ad un luogo d’infanzia, ad un ricordo, ad un affetto.
Un albero, una panchina, un muretto sono elementi che possono sussurrarci storie e ricordi. Ciò avviene in quanto alla fonte vi è un processo emotivo in cui ognuno di noi viene avvolto come in una spirale, e se tale processo non avviene, difficilmente si riesce a cogliere il genius loci di un luogo. 
Se le emozioni non emergono in superficie, difficilmente si possono cogliere alcuni significati storici e culturali di quel luogo. In una società dove globalizzazione diviene caratteristica predominante, non avremo un’identità univoca, come avveniva nel periodo medievale, ma tante identità quante sono le forme culturali e sociali che in essa vi possiamo ritrovare, come avviene nei "non luoghi", come i centri commerciali e gli aeroporti.
La città postmoderna oggi è il luogo in cui ritrovare i mille "spiriti del luogo", quindi,andranno ricercate tutte le identità che convivono in essa, ed esaminate le differenti prospettive che ogni individuo può avere in un luogo, a seconda che si tratti di un residente o di un turista.
Ricercare il genius loci di un luogo, risulta un lavoro complesso, che presenta difficoltà diverse a seconda di ciò che viene preso in considerazione, in cui vanno analizzate le modalità e le forme attraverso le quali si esprime in riferimento ai cambiamenti storici, sociali e culturali intervenuti nel tempo. 


1
Se la mano destra non sa quello che fa la sinistra
28 giugno 2011
I vertici delle banche indicano al mercato ecomunicano alle imprese politiche diverse da quelle che vengono praticate dalleloro strutture in campo    
Se lo Stato rende conveniente l'illegalità
22 marzo 2010
L’impresa ha bisogno di normalità e di ricavare valoredalla correttezza, in un contesto in cui uno Stato con la sua Pubblica Amministrazioneè assente e rende conveniente l’illegalità    
Le banche non chiudano il cordone della borsa
16 marzo 2010
le banche non chiudano il cordone delle borse senzaoffrire un congruo tempo di riequilibrio    
L'evoluzione dei confidi
18 ottobre 2009
a un anno dall’inizio della crisi – rapporti banche eimprese e l’evoluzione del confidi da “club degli imprenditori” a soggettotecnico di garanzia per l’accesso al credito    
Al sud ci sono competenze 
22 settembre 2009 
Al sud ci sono competenze e imprenditori di elevato livello
Se le regole non servono
25 maggio 2009
“Il sistema di valutazione del rischio delle impresenon tiene conto di chi opera nel rispetto delle regole”    
Rating segreto per le imprese 
24 maggio 2009
“Il rating attribuito alle imprese è mantenutosegreto dalle banche, cosicché l’imprenditore è all’oscuro di come vienevalutato”    
Lo Stato italiano contribuisce alla debolezza delle imprese
28 nov. 2008
Le imprese deboli sono soggette ad essere ricattate. Lo Stato attraverso la Pubblica Amministrazione ne ha una rilevante responsabilità con gli insostenibili ritardi sui pagamenti.  
Create a website